Francesco Patamia è tornato in Italia dopo qualche anno a Bruxelles con un progetto un po’ folle per la testa: dare vita a un “partito degli Europei e dei liberali”, dove l’accento di questa neonata formazione è sull’Europa, sulla collocazione internazionale dell’Italia.

Lo abbiamo intervistato per Riformista Tv perché, nella peculiarità della sua iniziativa, va controcorrente: “Siamo in controtendenza, se molti fuggono dalla politica vuol dire che l’offerta non è stimolante e dobbiamo agire in questo senso, proponendo soluzioni liberali e garantiste ad un mondo che non funziona più stretto nelle maglie della burocrazia e della malagiustizia”, ci dice.



Fonte: